Lotta all'odio e all'intolleranza sul Web

La campagna

 Immaginecampagna

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, in qualità di amministrazione incaricata a rappresentare l’Italia presso gli organi statutari del Dipartimento della gioventù del Consiglio d’Europa, ha aderito al progetto “I giovani combattono l’istigazione on line all’odio”. Il fine è quello di coinvolgere i giovani in azioni che contrastino questi comportamenti e partecipino fattivamente alla campagna “No Hate Speech Movement”.

Come suggerito dal Consiglio d’Europa, è stato istituito un Tavolo, coordinato dallo stesso Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, al quale hanno partecipato quelle Istituzioni che hanno la possibilità, in base alle loro competenze, di sensibilizzare i giovani a contrastare l’odio on line.

Considerato che nel nostro Paese stanno crescendo pericolosamente fenomeni di odio e di intolleranza verso il "diverso", diffusi principalmente tra i giovani ed espressi attraverso il web, la campagna mira a combattere il razzismo e la discriminazione nella loro espressione online, cercando di favorire la costruzione di un fronte comune che combatta i messaggi discriminatori ed ogni forma di violenza e di odio. 

Le azioni previste sono mirate ad incidere negativamente sull'impatto che i messaggi di odio hanno sulle nuove generazioni, ed agire positivamente per spingerle ad una mobilitazione urgente e comune  per la tutela dei diritti umani. Il mezzo potrebbe essere proprio quello della costituzione di comunità on line per combattere l’odio e l’intolleranza sul web.

Sebbene i destinatari diretti della campagna siano innanzitutto i giovani e le organizzazioni giovanili, pensiamo che la problematica debba essere affrontata trasversalmente  coinvolgendo il mondo della scuola nella sua totalità (studenti, docenti e genitori), ma anche quello dello sport, della famiglia e di tutti coloro che in modo diretto o indiretto interagiscono con i giovani e la loro realtà.

Utilizzando il logo ufficiale ideato dal Consiglio d’Europa, (il cuore rosso con la scritta “no hate”) il concetto espresso dalla campagna è chiaro e deciso: “Combatti anche tu l’odio e l’intolleranza sul web”. Reti, social, blog, forum e tutto ciò che viaggia in rete deve essere democraticamente gestito, la libertà d’espressione garantita nel rispetto dell’altro e della diversità.  

Il tipo di linguaggio usato nella campagna ha lo scopo di stimolare un comportamento pro-attivo, sottolineando l’importanza di dare il proprio contributo alla campagna e che ogni gesto in questo senso è fondamentale.

Strumenti e mezzi

Per questa campagna il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, ha realizzato un sito web in cui è possibile trovare i contenuti delle iniziative svolte anche dal Consiglio d’Europa,  una pagina Facebook realizzata dall’Agenzia Nazionale Giovani che è dedicata allo scambio di contenuti prodotti direttamente dai giovani.

In collaborazione con il  Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca  (Direzione generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione) è stato indetto un concorso tra le scuole secondarie superiori per la realizzazione di contenuti multimediali sul contrasto ai messaggi violenti e discriminatori presenti sulla rete. Il concorso è già terminato e, a breve, sarà svolta una giornata in cui gli istituti scolastici vincitori saranno premiati ed i contenuti prodotti saranno pubblicizzati.

In collaborazione con il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria sono stati prodotti gli spot di 30 e 15” televisivi e radiofonici, che saranno diffusi, tra l’altro, sulle reti RAI.

Infine è stata prevista una campagna di viralizzazione su internet per sensibilizzare i giovani internauti su tutte le forme di odio e intolleranza verso il “diverso” operate attraverso il web, sottolineare la percezione e l’impatto che i discorsi sull’odio hanno tra i giovani, evidenziare l’urgenza di combattere l’incitamento all’odio online  e di mobilitarsi per la tutela dei diritti umani.